Musica e Nuove Tecnologie - Conservatorio "A.Casella", L'Aquila

 

La sintesi del suono

Lorenzo Seno

INDICE 

Teoria
Intro 
Metodi 
Additiva
FM 
FM esempi
Wavetable
Granulazione 
Modelli fisici 
Equazione 
Soluzione 
K&S 
Waveguide 
WG dissip. 

Timbro
Intro 
Rigidità 
G. libertà 
Tridim
Vincoli 
Caos 
Dec. parz. 
Dp 2 
Dp 3 
Dp 4 (v)
Dp 5 (v)
WG 

Metodo
diretto 
Intro 
Esempi
Archetto
Esempi

Misure: 
Intro  
Hawayana
mi0
fond
2° arm
3° arm
7° arm
11° arm
Elettrica
mi0
fond
2° arm
5° arm
inarm.
tau

Sintesi
additiva 

Intro 
rigidità
NL 
Esempi
Esempi 2

Esempi 3

Concl.
fine

HOME

 

Il Timbro: fondamenti storici

 

helmholtz.gif (14920 byte)
Hermann Von Helmoltz
(1821 - 1894)
On the Sensations of Tone

Il primo a definire il timbro: come profilo dello spettro armonico

Jean-Claude Risset - 1969

J.C.Risset e Max Matews sono stati i primi a rispondere alla domanda: perché diciamo che un suono è "suono di tromba"?. Il timbro della tromba è determinato dall'andamento temporale dell'ampiezza (inviluppo) delle parziali in fase di attacco del suono.

La figura rappresenta una analisi di un suono reale (riducendo i profili a spezzate). Risset e Matews risintetizzarono poi il suono utilizzando questi profili per mostrare che ciò che ne veniva fuori era un "suono di tromba". 

<< Pag. Precedente

Pag. seguente >>